Terra 17

Cara mamma,

come stai?

 

Qua nella colonia le cose vanno a gonfie vele!

 

Harry ha ricevuto la promozione a primo botanico che aspettava, io continuo a ricevere apprezzamenti dalla sede per la mia gestione della baracca, encomi e bla bla bla.

 

Certo, Harry sbuffa un po' perchè è uno dei miei, come li chiama lui, schiavi, ma so che in realtà lo diverte molto a interpretare la parte del maritino sfruttato.

Le patate stanno venendo su a meraviglia, saresti fiera dei miei orti. Anche i cavolfiori e le cipolle, anche se mi danno qualche grattacapo in più.

 

Quando arriva la sera e ci ritroviamo tutti a tavola con i bambini siamo sempre stanchi e ci manca tanto la Terra, ma siamo felici della nostra decisione.

 

Venire su Marte è stato un toccasana, i bambini si divertono tantissimo e prendono tutto come un gioco, anche quando dobbiamo razionare acqua e cibo o manca l'elettricità.

Sono ormai 2 anni che viviamo quaggiù e la vita scorre placida e tranquilla, anche se molto molto faticosa!

 

Un aggiornamento: ad oggi Terra 17 conta ventotto coloni, ieri è nato Stanley, il figlio dei vicini, è un bellissimo bambino di tre chili e sei etti!

 

Certo, siamo pochi e come sai sono rare le occasioni di scambio e socializzazione con altri insediamenti, ma la soddisfazione di stare facendo qualcosa che un giorno rivoluzionerà la vita della razza umana ci ripaga a dovere delle nostre fatiche.

 

Come al solito divento pomposa e didascalica, scrivendoti queste lettere. La verità è che Marte è incredibile: dovresti vedere con i tuoi occhi. Vorrei riuscire a farti capire quanto è stato importante per me

e per noi tutti venire qua e provare a costruire qualcosa di grande, insieme.

 

Ma sento già che mi rimproveri mentre leggi queste righe e che vorresti abbracciarmi e non puoi. I voli Terra Marte sono ancora costosi e rari, ma cambierà mamma, vedrai che riusciremo a migliorare le cose e ci rivedremo presto! Anche io vorrei tanto abbracciarti, credimi! Incolpami pure per la nostra fuga interplanetaria, ma ricordati che ti voglio tanto bene!

 

Scusami ancora, divento sempre più verbosa e noiosa, scusa scusa, scrivo sempre troppo e poi mi accorgo che la lettera è lunga, stanno finendo i caratteri consentiti dalla posta spaziale e non ti ho chiesto nulla di voi!

 

Papà sta bene?

 

Si lamenta ancora del nuovo gatto?

 

E come vanno le cose sul vecchio pianeta azzurro?

 

Ho sentito che è saltato fuori un nuovo virus, in Cina, ma qua le notizie ci arrivano un po' a mozziconi e non capisco bene, immagino sia tutta una esagerazione dei giornali, vero?

 

Se i miei calcoli sono esatti, questa lettera ti arriverà tra un mese, verso inizio marzo. Spero che sia così, ci spero tanto, così potrai rispondermi entro il dieci e riceverò la tua risposta col razzo che parte il quindici!

Tanti calcoli, tante complicazioni, lo so che non ti piacciono queste stupide scadenze marziane, voglio solo farti capire che spero di avere tue notizie presto mamma! vi voglio tanto bene!

 

Tua Linda, colonia di Terra 17

Marte

scriviamezzanotte@gmail.com

©2020 di Scrivi sempre a mezzanotte.