Profumo di cieli azzurri

Caro amore mio,

 

languidi ricordi di calde giornate d’ottobre, di sparse nubi cangianti e tempestosi raggi di sole premono l’acceleratore di una sfrenata voglia di libertà. O desiderosa valle di piccole punte, mattoncini grigiastri ed audaci e saggi ulivi sotto vento, fitti trulli e girasoli sparuti, momenti, sorrisi, con te.

 

Manchi,

tuo, A.

scriviamezzanotte@gmail.com

©2020 di Scrivi sempre a mezzanotte.