L'ho scritto alle 19:00

Caro destino o chicchessia,

sento di essere stata riposta in un deposito di pace, in un rifugio dove le preoccupazioni iniziano esattamente fuori dalla porta di casa nostra, mia e sua. 

In questo periodo è quasi imbarazzante dire ad alta voce che ci si sente privilegiati.

Io ho avuto la fortuna di avere lui e di vivere dei momenti di nullafacenza colmi di immensità, di amicizia, di amore, di abbracci, di bicchieri rotti che scivolano dal bordo della vasca, di balli lenti e balli squilibrati, di pianti, di confessioni, di coccole ossessive, di chiacchiere senza orario, di sfoghi, di cedimenti, di debolezze, di paure, degli ennesimi sorrisi al risveglio e di ore che ci hanno resi immuni al tormento e alla noia o alla semplice “normalità”.

Sembrerebbe il periodo più fermo della mia vita ma lo ricorderò come la volta in cui sono riuscita a custodirmi nel tempo fermandolo e godendo di ogni cosa di te e di noi.

Non è per nulla semplice trascorrere le intere giornate a stretto contatto, cercandosi anche durante il sonno e fra le varie stanze della casa.

Non è semplice, non è banale.

 

A te che mi rendi libera. 

A te che passerei ore, ancora.

 

Ester

scriviamezzanotte@gmail.com

©2020 di Scrivi sempre a mezzanotte.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now