Cara mamma - D.

Cara mamma

Da quando il virus ci ha divisi, ho trovato il tempo di parlare con te.
Sto bene, non stare in pena per me. Non ho più paura di niente ormai; ho combattuto per molto tempo, è vero, ma ora eccomi qui. Sono ancora vivo, e i demoni, che deridevano il mio cammino, sono fuggiti. Non stare in pensiero per me, e non badare al fatto che io sarò solo sul mio sentiero. Le persone non sono mai veramente sole. Si guardano, si cercano, e forse un giorno si troveranno.
La parola "paura" non esiste più nel mio vocabolario. L'ho sostituita con "coraggio". Suona meglio, e sta bene con tutto.
Sorridi quando penserai a me, e sii fiera, perché hai un figlio che non ha mai mollato. È caduto, si è ferito; ma non è mai morto, rialzandosi senza dover chiedere niente a nessuno.
Ora cerco la vita, mamma, in tutti i modi. Perché per tanto tempo ne ho vissuta una non mia. E ora ogni alba è una sorpresa, ogni fiore è una meraviglia. Adoro la pioggia e amo scaldarmi al sole. E tutti quei tramonti mi raccontano che ho vissuto un'altra giornata speciale. Mi stupisco per qualsiasi sciocchezza, come un bambino che in me non crescerà mai.
Mi piace questa mia vita, purché sia un'avventura.

scriviamezzanotte@gmail.com

©2020 di Scrivi sempre a mezzanotte.