Al mio Yuli Yuli

Non posso parlare, faccio al massimo bau, bau, oppure ringhio.

Ma posso sentire la tua tristezza

Ecco perché avvicino il mio faccino

E cerco di asciugare le lacrime che ti cadono giù.

Non riesco a ridere

Ma salto di gioia nel 

vederti felice tornare a casa

quando sei  fuori.

Potrò piangere 

Solo se qualcosa ti fa male

Perché tu sei chi

si prende cura di me.

Non ho voce

Ma farò qualsiasi cosa

Per farti sorridere

Sposterò la mia codina

Mi butterò a rincorrere la pallina, correrò veloce quando mi lanci la ciabatta, mi nasconderò quando mi dici dov’è Yuli Yuli, dove sei, ed io dietro di tè zitto.

Finito di giocare mi dai qualche biscotto.

È tu monella mi tirerai ancora dietro la ciabatta  ma non importa perché ti vedo 

sorridere, ti vedo che ti butti giù felice. Anche io sono Felice e contento di giocare con te a ciabatte.

Le mie zampette ti saltano addosso. 

Sarò sempre con te

Fino al giorno in cui avrò la vita

Mia piccola grande amica mi prenderò cura di te.

Perché non so di cattiveria

Né di odio.

So solo dare amore

Quello che mi dai tu.

Accarezzarmi ogni giorno.

Sono Il tuo pompiere, il tuo salvagente, il tuo compagno di gioco, il tuo confidente. 

Yuli Yuli. Basta stasera parlare dormi.

Un abbraccio 

Chiara

scriviamezzanotte@gmail.com

©2020 di Scrivi sempre a mezzanotte.

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now